Casi studio
22 marzo 2022

I tessuti del futuro? Cosa può insegnarci l'innovazione nel settore tessile in tempi di profondo cambiamento.

Pubblicato da

Caroline Drai

Condividi

La crescente pressione sui brand di moda per trovare materiali alternativi e sostenibili sta portando avanti l'innovazione tessile - come stanno affrontando i designer di moda questo tema così urgente?

L'ANALISI: IL NOSTRO COMPOST

Virón - Calzature Vegane

Prendendo posizione contro la distruzione delle risorse della Terra, l'emergente brand di calzature Virón, utilizza gli scarti della buccia e dei semi delle mele utilizzate nell'industria italiana dei succhi di frutta. Una volta essiccati e polverizzati, gli scarti delle mele vengono mescolati con il poliuretano (un tipo di plastica): il risultato è un materiale resistente e traspirante che prende il posto della pelle nella fabbricazione degli stivali.

Viron-world-sustainability

MycoWorks - Pelle vegetale

Mycoworks, una start-up produttrice di pelli prodotte tramite derivati di funghi, ha fatto notizia con la sua partnership con Hermès, il brand produttore di cuoio tradizionale per eccellenza. Mycoworks intende ridefinire il nostro rapporto con la pelle, alla quale, secondo l'amministratore delegato Matthew Scullin, la maggior parte delle persone ha un attaccamento emotivo e trova difficile separarsene. Per facilitare questo, una sfida chiave è quella di creare una pelle derivata da particolari funghi, in grado di replicare la qualità e le prestazioni della pelle animale: secondo Scullin, si tratta solo di trovare il modo giusto per coltivare i funghi, in quanto si tratta di un organismo incredibilmente modellabile.

MycoWorks-fungi-materials

Desserto - Pelle di Cactus

La pelle è di moda! I creatori di Desserto, un marchio messicano di pelle di cactus, hanno identificato le finte pelli come false soluzioni a lungo termine (a causa delle microplastiche e delle sostanze chimiche tossiche coinvolte nella loro creazione). Si sono rivolti ai cactus per attingere al crescente mercato delle pelli alternative. Le foglie di questa pianta vengono infatti raccolte ogni 6-8 mesi, poi tagliate, pulite e asciugate al sole. In seguito si passa alla macinazione e all'estrazione della bio-resina, mescolata con prodotti chimici non tossici (Desserto non specifica quali); infine, la miscela può essere tinta o modellata in qualsiasi struttura di pelle. Oltre ad essere apparentemente della stessa qualità della pelle animale, il cactus cresce facilmente ovunque, il che significa che può anche essere utilizzato per ripristinare le terre attraverso la riforestazione, oltre ad essere coltivato a basso costo ecologico a causa delle sue ridotte esigenze idriche.

Desserto-catcus-leather

Orange Fiber - Tessuti sostenibili derivanti dagli agrumi

Adriana Santanocito ed Erica Arena, del Politecnico di Milano, hanno creato un tessuto a base di scarti di agrumi, per affrontare gli sprechi dell'industria italiana del succo. Salvatore Ferragamo è stato il primo marchio a cogliere l'occasione per fare una collaborazione con l'incredibile innovazione del brand siciliano, creando nel 2017 una capsule collection con questo tessuto innovativo e definendo un nuovo punto di riferimento per l'industria della moda sostenibile e delineando l'impegno di Ferragamo nella ricerca di una filiera più sostenibile.

Orange-fiber-sustainable-fashion

Dotzer0 - Sneakers riciclabili dai rifiuti del legno

Dot Zer0 parte dalla constatazione che è difficile riciclare oggetti composti da tanti materiali diversi, come spesso accade nelle calzature (solitamente composte da oltre 10 materiali). La scelta di un solo materiale di base (nel caso di Dot Zero - carta e residui di legno dell'industria cartaria) garantisce che le scarpe possano essere riciclate interamente e possano finalmente entrare a far parte dei prodotti cardine della moda circolare.

Dotzero-recycled-sneaker

I DIBATTITI PIÙ ACCESI SULLE FUTURE SFIDE DEL TESSILE

Questa lista non menziona il tuo tessuto sperimentale preferito? Questo perché è impossibile creare una lista esaustiva, dato che ogni giorno si sviluppano nuovi tessuti. Ma quali dibattiti potrebbe generare questo flusso costante di innovazione?

Lascia nei commenti i nomi delle case di moda che producono fibre tessili innovative che conosci e facci sapere il tuo punto di vista!

La Scalabilità

Al momento non è chiaro come alcuni dei metodi di produzione tessile menzionati possano diventare parte di un sistema completamente scalabile. Saranno davvero in grado di sostituire la produzione tessile tradizionale su larga scala? Mycoworks, per esempio, afferma che uno dei suoi obiettivi è proprio quello di scalare la produzione con nuove fabbriche e nuovi prodotti; resta da vedere se questo è possibile (ma speriamo vivamente di sì!).

Sappiamo inoltre che da un punto di vista ecologico, le grandi aziende sono più dannose rispetto alle piccole: il futuro della moda sostenibile è davvero quello di scalare per eguagliare la taglia dei grandi produttori di oggi? O i marchi potrebbero concentrarsi su un impatto su piccola scala, lavorando con altri giovani marchi per creare una soluzione alternativa ai tradizionali monopoli delle catene di approvvigionamento?

Costi di Produzione

L'esistenza di questi tessuti richiede implicitamente il loro impiego: i marchi stanno ancora producendo abiti, ma la soluzione ai problemi del mondo della moda potrebbe essere quello di ottimizzare i propri impianti produttivi e frenare la sovrapproduzione. In molti quindi si chiedono se proprio la necessità di sperimentare tessuti innovativi, provandone la qualità, non possa portare a un aumento della produzione di capi che poi rimarranno invenduti.

In altre parole, questo potrebbe significare un aumento della deforestazione per fare spazio a nuove piante alla base dei tessuti alternativi; potrebbe significare meno incentivi per i clienti a cambiare le loro pratiche di consumo e quindi meno spinte alle aziende a trasformare i loro modelli di business. I nuovi tessuti potrebbero diventare una giustificazione per continuare a produrre fast fashion e non ripensare il modello di produzione.

Infine, produrre questi prodotti tessili richiede spesso di mescolare la componente vegetale con la plastica (riciclata). Questo significa che il problema della microplastica rilasciata durante i lavaggi rimane reale.

Esperienza del Consumatore

I tessuti sostenibili sono solitamente nuovi nel mercato. Questo comporta che molti di essi non sono testati come i materiali tradizionali (per esempio, la pelle animale). La domanda che sorge quindi spontanea è la seguente: dureranno altrettanto a lungo o richiederanno ai consumatori di acquistare nuovi prodotti più spesso, perpetuando il ciclo tradizionale di produzione-consumo?

Come è normale che sia, prodotti di abbigliamento realizzati con tessuti alternativi e sostenibili risultano spesso essere più costosi del fast fashion o di alcune marche di lusso (riflettendo l'innovazione e il lavoro del creatore): questo boom degli "alt-textile" potrebbe creare un'offerta che i clienti più responsabili non riuscirebbero a permettersi, creando un conseguente stock di invenduto.

Queste domande rappresentano sfide che le aziende tessili dovranno affrontare, ma anche opportunità per dimostrare che questi tessuti possono realmente essere il futuro della moda.

Scalabilità, costi di produzione e nuovi comportamenti dei consumatori sono sfide che le nuove aziende tessili sostenibili devono affrontare.

UNA NOTA PIÙ POSITIVA: IL MEZZO TRASFORMA L'ARTE

I tessuti innovativi stanno generando reali cambiamenti nell'industria della moda: il mezzo sta trasformando l'arte.

Questi materiali stanno generando un enorme interesse sia tra gli esperti del settore che tra il grande pubblico in generale, generando una forte richiesta da parte del mercato. Lo dimostra ogni anno l'aumento dell'affluenza alle esposizioni tessili, come il Future Fabrics Expo o il Premiere Vision Paris Expo. Gli eventi creano hype e sono la prova che l'innovazione tessile è in grado di generare una forte domanda nel mercato. Persone con interessi comuni e con valori simili nel mondo della moda si incontrano e generano connessioni in tutto il mondo - come può il cambiamento dunque non avvenire?

La tendenza alla ricerca di materiali particolari sta mettendo sempre più in evidenza il lato produttivo della creazione degli abiti, fino ad oggi rimasto nell'ombra, generando un cambiamento nella nostra percezione dei capi di abbigliamento stessi. Il ritrovato rapporto con i nostri vestiti e con coloro che li producono sembra essere la grande vittoria del nostro tempo.

L'evoluzione del nostro rapporto con i vestiti e con coloro che li producono può generare una comprensione più profonda delle tematiche ambientali e incoraggiare il cambiamento.

I nuovi materiali tessili generano anche report e analisi disponibili al grande pubblico. Questo permette una comprensione più profonda delle tematiche ambientali, incoraggiando i policy-makers ad affrontarle realmente. Possiamo citare, per esempio, il rapporto annuale sulla sostenibilità della Copenhagen Fashion Week o il [rapporto sui mercati tessili] della Changing Markets Foundation (https://changingmarkets.org/annual-reports/).

Avete avuto l'opportunità di leggere report interessanti? Fatecelo sapere nei commenti!

CONSIDERAZIONI FINALI

La crescente innovazione tessile è una buona notizia in generale; è il sintomo che la spinta al cambiamento opera a molti livelli nell'industria della moda, dai nuovi bisogni dei consumatori, alle start-up che identificano opportunità di sviluppo, fino agli attori più grandi che danno visibilità alle aziende più piccole, come i casi di Hermes e Ferragamo.

La crescente innovazione nel mondo tessile è il sintomo di un settore che sta evolvendo.

Tuttavia, una maggiore innovazione può anche significare un aumento della produzione - che è stato identificato come un problema chiave per l'industria della moda… Come possiamo trovare il giusto equilibrio tra innovazione tessile e conservazione del pianeta?

Pubblicato da

Caroline Drai

Condividi

Collabora con Stain

Sei interessato/a a condividere i tuoi pensieri sull'upcycling, la moda sostenibile e il mondo della tecnologia? Contattaci e inviaci le tue idee di articoli. Faremo in modo che vengano pubblicati sotto il tuo nome!